9 dicembre 2015 • Recensione

SteamWorld Heist (Nintendo 3DS eShop)

Sapete apprezzare un gioco strategico ma vorreste avere più “controllo” sui combattimenti? Siete amanti dello stile Steampunk, dell’ironia, e delle più insolite ed originali colonne sonore? Vi piace escogitare nuove tattiche per affrontare missioni dalla difficoltà crescente? Ma soprattutto, VI PIACCIONO I CAPPELLI? Se la vostra risposta a queste domande è “sì”, benvenuti a bordo: stiamo per intraprendere un lungo viaggio.

Una crisi spaziale

SteamWorld Heist, l’ultima perla degli sviluppatori Image & Form, è un titolo sicuramente fuori dal comune. Ambientato nello stesso universo del predecessore (SteamWorld Dig, un rogue-like/sandbox lanciato nel 2013), questo gioco ci narra le vicende del Capitano Piper e della sua ciurma di “SteamBots” (ovvero, robot a vapore), impegnati in una missione avente come obbiettivo principale il recupero della più importante risorsa, nonché fonte di energia, rimasta nello spazio,  la ormai rarissima e preziosissima acqua.
Durante un operazione di recupero, però, i nostri protagonisti scoprono che un gruppo di tiranni maniaci dell’ordine (e delle tasse!) chiamati “Royalists” stanno privando della loro libertà gli abitanti della galassia. Come se non bastasse, una mastodontica e misteriosa reliquia, si sta facendo strada dai più profondi meandri dello spazio, dirigendosi rovinosamente verso la civiltà. Riusciranno i nostri eroi a salvare la situazione?

Steamworld Heist

Guerriglia Intergalattica!

La vostra nave vi permetterà di spostarvi di area in area su una mappa costellata da negozi e missioni ed essa verrà utilizzata anche come ritrovo per tutta la ciurma, permettendovi di gestire da lì i diversi tipi di equipaggiamenti disponibili: armi da fuoco, da mischia, armature, accessori, classi e addirittura  mosse e potenziamenti per i membri della squadra.
Le meccaniche di gioco sono piuttosto semplici: I vostri personaggi potranno muoversi di un certo numero di “spazi”, uno alla volta. Le linee arancioni raffigureranno la distanza percorribile prima di sparare, utilizzare abilità e quant’altro, mentre quelle blu indicheranno, invece, le distanze massime, che richiederanno uno “sprint” per essere raggiunte, e termineranno il nostro turno immediatamente. Al giocatore, dunque, è chiesto ad ogni turno di scegliere tra due alternative, una che permetterà ai propri personaggi di avanzare e di compiere successivamente altre azioni, e l’altra che, invece, permetterà di coprire distanze più grandi, ma non di effettuare ulteriori operazioni.
Anche se l’azione vera e propria si svolgerà sullo schermo superiore della console, anche il touch screen risulta sfruttato in maniera intelligente dato che su di esso viene mostrata una mini-mappa strategica della zona che indica la posizione di ripari, nemici e obiettivi.
Vagando per lo spazio avremo modo di reclutare nuovi componenti della squadra, con diverse statistiche ed abilità. Alcuni avranno specifiche competenze su un determinato tipo d’arma, altri saranno più efficaci se sfruttati per attaccare da precise posizioni.

Steamworld Heist

Non sarà da sottovalutare la qualità del nostro equipaggiamento, che sarà suddiviso in ranghi in base all’efficacia dei vari oggetti. Esso ha una grande influenza sull’esisto delle missioni e l’enorme varietà di alternative che è messa a disposizione del giocatore in questo ambito permette di affrontare il gioco adottando molteplici approcci diversi. È necessario essere cauti durante il gameplay di SteamWorld Heist, perché perdere un’unità ha delle conseguenze pesanti, come ad esempio la perdità di risorse e di esperienza o, ad elevate impostazioni di difficoltà, la totale distruzione della propria recluta robotica.
Il completamento degli scenari ci ricompenserà con un certo numero di stelle in base al grado di esecuzione della missione. Queste, poi, potranno essere utilizzate per accedere a nuovi negozi o per ingaggiare robot speciali.
Al giocatore è anche data la possibilità di cimentarsi in delle sfide facoltative, ovvero delle missioni particolarmente difficili che dovranno essere completate utilizzando un determinato numero di personaggi (da uno a quattro).

Steamworld Heist

Steampunk fantascientifico ed ironia

L’ambientazione del gioco appartiene al genere steampunk e questo si riflette in maniera incisiva sul design dei vari personaggi. Anche le scelte cromatiche vengono decisamente influenzate da questa direzione artistico-stilistica, com’è possibile constatare dai colori spenti e sul seppia che non possono fare a meno di ricordare uno western, nonostante ad essi si contrappongano delle tonalità “fluo” che, al contrario, fanno pensare al genere fantascientifico. Parlando di grafica, il gioco è anche caratterizzato da un comparto animazioni semplice, ma comunque parecchio gradevole da guardare.
L’umorismo del gioco riesce a strappare parecchi sorrisi. Gli intermezzi tra le missioni, infatti, sono costellati da brevi scambi di battute tra i personaggi caratterizzati da freddure, giochi di parole e cose di questo genere. I dialoghi risultano insomma divertenti da leggere ed aiutano a spezzare il ritmo del gioco in maniera piacevole. Purtroppo, però, il titolo è al momento disponibile solo in lingua Inglese, quindi questi non saranno godibili da tutti, ma Image & Form ha già annunciato annunciato che un aggiornamento previsto per gennaio 2016 introdurrà la possibilità di selezionare una tra diverse altre lingue (francese, tedesco, spagnolo, russo e, ovviamente, l’italiano) e che aggiungerà gratuitamente nuovi contenuti dalla natura al momento sconosciuta.

STEAMPUNK/10

Un gioco strategico con ambientazioni steampunk carismatico e assai soddisfacente da giocare.

PRO

CONTRO

Ricompensa chi sa pianificare

Ottimo comparto audiovisivo

Grande varietà di approcci

Ripetitività degli scenari

Allargare l’inventario richiede troppo tempo