10 luglio 2017 • Recensione

Puyo Puyo Tetris (Nintendo Switch)

Puyo Puyo Tetris è un puzzle game che nasce dall’unione di due capostipiti del genere, Tetris e Puyo Puyo, con lo scopo di riuscire a fondere i due differenti stili di gioco. Sviluppato dal Sonic Team e distribuito da SEGA, il gioco è giunto su Nintendo Switch in Europa lo scorso 27 aprile.

La modalità storia del gioco ci viene presentata fin da subito come molto scanzonata e non avrà mai nessuna pretesa se non quella di collegare tra loro i vari livelli di cui si compongono i vari capitoli e di introdurre i vari personaggi protagonisti delle bizzarre vicende narrate. Per farvela breve una ragazza di nome Ringo si ritroverà casualmente a bordo dell’astronave pilotata dal capitano Tee e la sua ciurma, che spesso e volentieri si sfidano a partite di Tetris per risolvere i loro problemi, anche quelli apparentemente più stupidi. Successivamente la navicella del gruppo di Tee precipiterà sul tetto della scuola di Ringo, che si trova invece in una città dove la gente gioca abitualmente a Puyo Puyo e i personaggi che rappresentano i due differenti puzzle game dovranno collaborare per far ripartire l’astronave e far fronte in seguito ad un nemico comune. La modalità storia è divisa in capitoli ognuno formato da 10 livelli, dove ci troveremo o a dover affrontare l’IA in scontri a suon di Tetris e Puyo Puyo o a dover completare alcune simpatiche sfide a tempo, con una crescente difficoltà man mano che proseguiremo. Ogni livello avrà inoltre un massimo di tre obiettivi che potremo completare, consentendoci dunque di rigiocarli a nostro piacimento per poterli completare al 100%. Mi tocca dire che da novizio totale di questo genere di giochi ho avuto da subito alcune difficoltà nel superare molti livelli, ma per questo motivo vi consiglio di darvi un’occhiata alla Lesson del gioco che vi darà tutte le basi necessarie per iniziare a giocare.

Tetris è uno dei giochi più famosi della storia dei videogiochi, penso che quasi chiunque abbia avuto occasione nella propria vita di giocarci almeno una volta, ma nel caso cercherò di riassumervi in breve le meccaniche di gioco. Lo scopo è quello di riuscire ad allineare incastrare, formando delle righe complete, dei blocchi composti da quattro caselle chiamati Tetrimonos.  Per quanto riguarda invece il più sconosciuto Puyo Puyo, serie che gode di una buona fama in Giappone, ci troveremo a che fare con delle simpatiche palline colorate chiamate Puyo. Il nostro obiettivo sarà dunque quello di riuscire ad accoppiare almeno 4 Puyo dello stesso colore in modo da farli scoppiare. Un’aspetto fondamentale per evitare di perdere in entrambi i puzzle games è quello di evitare di accumulare troppi elementi sulla tabella di gioco, dovremo infatti cercare di far scoppiare più palline possibili o di eliminare righe prima che i vari elementi incomincino a salire in altezza sulla tabella raggiungendo la cima. La maggioranza dei livelli in questo gioco sono strutturati come dei duelli tra due giocatori, dove l’obiettivo sarà quello di riuscire a resistere il più possibile cercando di far perdere il proprio avversario. Per fare questo basterà eliminare contemporaneamente più elementi possibili, cosa che ci consentirà di evocare degli ostacoli sulla tabella di gioco avversaria e di avere la meglio più velocemente.

Data la natura di crossover di questo gioco, nei duelli ci saranno diverse combinazioni che andranno a mescolare tra loro questi due differenti puzzle games. Ad esempio nei duelli i due avversari possono utilizzare a piacimento il gioco che preferiscono, consentendo dunque di vedere partire chiamate Puyo vs Tetris. Le due modalità di gioco che ho apprezzato particolarmente sono la modalità di gioco Fusion, che ci vedrà utilizzare sia i Puyo che i Tetrimini sulla stessa tabella di gioco, e la modalità Swap, che invece prevede uno scambio ogni 25 secondi tra due diverse tabelle di gioco ognuna dedicata o a Tetris o a Puyo Puyo e che si alterneranno di continuo. Padroneggiare al meglio il tutto richiede anche parecchia pratica e per questo motivo saranno fondamentali la Story Mode e le Lessons. Inoltre ci vengono offerte diverse modalità in single player, come ad esempio la Challenge in cui potremo cimentarci nel completare le numerose sfide che ci verranno proposte, o ancora l’Arcade mode per affrontare duelli. Il gioco ci consentirà inoltre di potersi sfidare anche  in multiplayer, consentendoci di giocare sia in locale fino ad un massimo di quattro giocatori che di sfidare altra gente online. Praticamente questo gioco sia da soli che in compagnia di altre persone ha una durata virtualmente illimitata, almeno fin quando non inizierete voi a stancarvi, e non è detto che accada.

Il gioco si presenta con un bellissimo stile grafico in 2D molto colorato che mi ha piacevolmente colpito e le musiche sono molto orecchiabili. Per quanto riguarda il doppiaggio, il gioco presenta solamente le tracce audio in inglese, che personalmente mi sono piaciute non facendomi sentire la mancanza di un doppiaggio giapponese. I dialoghi sono nella sola lingua inglese, cosa che potrebbe causare qualche problema a chi non mastica bene l’idioma anglosassone.

In conclusione

Puyo Puyo Tetris è a mio avviso un ottimo puzzle game che nascendo dall’unione di due giochi differenti, riesce a mischiare con successo le due diverse modalità riuscendo a regalare parecchie ore di divertimento sia in solitaria che in compagnia di amici, dove ci sarà possibile usare comodamente la modalità tabletop di Nintendo Switch. Le molte modalità di gioco presenti unite anche alla possibilità di poter affrontare gli avversari online fanno si che questo titolo godi di una longevità virtualmente illimitata, il cui unico limite è la voglia del giocatore di continuare a giocare.

Crossover riuscito/10

  • Moltissime modalità di gioco.
  • Adatto sia per il single player che in compagnia di amici.
  • I due puzzle game si fondono alla perfezione.
  • Alla lunga potrebbe risultare ripetitivo.
I Puyo Puyo Tetris è un ottimo puzzle game che nascendo dall’unione di due capostipiti del genere, riesce ad unirli armoniosamente creando un’esperienza di gioco divertente in grado di intrattenere il giocatore per numerose ore, sia grazie alle molteplici modalità di gioco che alla possibilità di giocare con amici.

Autore: Gabriele "Falchion" Di Giulio

Allenatore di Pokémon fin dalla più tenera età ha nel tempo sviluppato una dipendenza per i giochi di ruolo e gli strategici, in particolare per la serie Fire Emblem che rigioca continuamente.