26 gennaio 2017 • Notizia

Prime pubblicità di Nintendo Switch: gioca a Mario Kart seduto sul cesso

Quando si parla di Nintendo, la questione “marketing” è sempre molto spinosa. Negli ultimi 6 anni circa il colosso di Kyoto ha avuto parecchi alti e bassi in questo campo, soprattutto quando s’è ritrovata a lanciare delle nuove console.

Ricordate il debutto del Nintendo 3DS? L’arrivo nei negozi di quel prodotto fu accompagnato dalla messa in onda di una serie di pessimi spot pubblicitari che puntavano unicamente a sottolineare che figata allucinante fossero gli effetti 3D della console. In quel periodo (cadeva l’anno 2011), il grande pubblico era ancora reduce da quel fenomeno mediatico che era stato Avatar, il film di James Cameron che in molti andarono a vedere al cinema solo per via dell’hype che si era generato attorno al 3D. Nintendo sperava di cavalcare quell’onda, ma aveva sottovalutato la volubilità della massa e quella campagna pubblicitaria si rivelò essere presto un immenso fallimento.

Un anno e mezzo dopo fu la volta del Wii U. Stavolta la reclamizzazione del prodotto era già meglio impostata: pensate un po’, negli spot venivano mostrati persino dei giochi, WOW. Purtroppo, però, ancora troppo spazio era rubato da dei “gimmick” che semplicemente non avevano molto appeal. Sì, ok, carino, posso lanciare degli shuriken dal touch screen allo schermo della TV, ma chi spenderebbe 300 e più euro solo per una cosa del genere? Il paddone del Wii U non era una novità eclatante e non era nemmeno in grado  far intravedere la stessa versatilità di utilizzo che il Telecomando Wii riuscì ai suoi tempi a dimostrare, e di conseguenza l’intero prodotto fallì nel fare infatuare il pubblico generalista.

Un lustro ed un anno dopo ci ritroviamo ai giorni nostri. La nuova console di Nintendo, lo Switch, è ormai alle porte. Essendo in arrivo il 3 marzo prossimo (tra 5 settimane e poco più), la Grande N deve affrettarsi a presentare ai non appassionati questo suo nuovo dispositivo. Visti i recenti precedenti, è naturale che ci sia una certa aura di scetticismo a riguardo, ma sembra proprio che Nintendo abbia davvero fatto centro stavolta.

Oggi pomeriggio, sul canale YouTube ufficiale di Nintendo Italia sono state pubblicate le prime due pubblicità di Nintendo Switch… e sono fantastiche.

La prima cosa che ho notato è l’approccio: questi non sono spot pubblicitari del Nintendo Switch, bensì di alcuni giochi che saranno disponibili per la console. Lo Switch viene pubblicizzato solo collateralmente, un po’ della serie “ehi, abbiamo fatto questo gioco fighissimo, ma occhio che devi comprare questa nuova console per giocarci. Ah, e a proposito, ci puoi giocare dove vuoi, non solo davanti alla TV. Figata, eh? *occhiolino*”.

Mi piace questa mentalità di dare importanza al software prima che all’hardware, i giochi vendono le console e Nintendo dimostra di averlo capito pienamente. Ed ecco, quindi, che si sfodera l’artiglieria pesante, sbattendo sotto al muso dei telespettatori qualche spezzone di gameplay di quello che potrebbe essere il gioco più atteso dell’anno, The Legend of Zelda: Breath of the Wild.

Lo spot procede poi a mostrarci che questo gioco lo si può portare con sè dove si vuole: in autobus mentre si rimorchiano ragazze asiatiche, in aereo ignorando le indicazioni della hostess di spegnere tutti gli apparecchi elettrici, eccetera. È semplice, efficace e va dritto al punto, inviando un messaggio pulito, lineare e senza fronzoli.

La seconda pubblicità mi ha colpito anche più della prima. L’inizio è geniale nella sua banalità: la natura chiama, ma questo giocatore dai fluenti capelli non si piega alla volontà del suo retto e quindi continua a giocare a Mario Kart sul trono. Nintendo sa che questa feature venderà un sacco di Switch.

Scherzi a parte, mi ha sorpreso trovare qualcosa del genere in uno spot di Nintendo, mi ha ricordato di una vecchia pubblicità del controller wireless del Nintendo GameCube.

Ancora una volta, inoltre, il focus non è sulla console bensì su un gioco, Mario Kart 8 Deluxe. Una gran bella scelta considerando che i giochi di quella serie sono storicamente dei system seller per le console di Nintendo. Ma pure qui un po’ di spazio viene dedicato anche alle diverse modalità d’uso: puoi giocare a Mario Kart davanti alla TV, oppure collegando più Switch tra di loro.

Mi ha colpito pure il fatto che lo spot mostri dei giovani adulti che socializzano giocando assieme, mi ha ricordato dei primi trailer e pubblicità del Wii che inizialmente contribuirono a dare a quella console un’immagine da prodotto “senior”. Chiariamoci, sono fermamente convinto del fatto che il target principale di Nintendo siano le famiglie, ma le famiglie non vogliono vedere altre famiglie che giocano insieme. Mostrando quel tipo di consumatore nelle pubblicità, i “gggggiovani”, riesci ugualmente ad avere presa su chiunque e pure in maniera più efficace.

Di questo spot mi piace soprattutto la parte in cui degli studenti universitari si mettono a giocare insieme tra una lezione e l’altra, mi fa quasi illudere del fatto che anch’io potrei fare questa cosa con i miei colleghi.

Insomma, fin qui tutto benone, ma ogni spot pubblicitario dello Switch sarà così ben studiato? Personalmente, mi preoccupa un po’ la pubblicità che faranno di 1, 2, Switch, il party game a base di motion control e HD Rumble. Un gioco del genere per una console che chiaramente punta ad essere un mezzo di aggregazione sociale (potrebbe essere il gioco da tavolo definitivo) ci sta tutto, ma temo che mostrare altre feature che non riguardino il passaggio da modalità domestica a quella portatile potrebbe confondere i consumatori. Non ci resta che aspettare e vedere.

Autore: Gianmarco "Jun" Turchiano

Fa il tuttofare mentre veste i panni del capo. Si occupa di curare il sito sotto l'aspetto tecnico, ma anche di pubblicare notizie e di redigere recensioni e articoli opinionistici vari.