24 marzo 2017 • A ruota libera

Nintendo Switch, mini-guida all’acquisto degli accessori

L’uscita di Nintendo Switch, la nuova console della leggendaria casa di Kyoto, ha scatenato molto rumore, in senso positivo e non, che le hanno permesso di ottenere risultati di vendita stupefacenti e che in pochi osavano prevedere.
Per una signora console come questa, tuttavia, occorrono degli accessori all’altezza in modo che possiate godere a pieno dell’esperienza del nuovo gioiellino ibrido.

Usate sempre la protezione

Al giorno d’oggi, si sa, la mania per le cover è a pieno regime, anche grazie al divampare dei dispositivi smart. Parte di questa febbre è giustificata: non vorrete di certo vedere frantumarsi a terra gran parte del vostro stipendio o i risparmi di molti mesi. Ecco perché, seppur si sia dimostrata di una solidità con pochi rivali, anche il nostro nuovo Nintendo Switch avrà bisogno di alcune precauzioni per poter essere utilizzata. A questo proposito, è mamma N stessa che ci corre incontro, offrendoci in bundle una piccola custodia semi-rigida per la nostra console insieme ad una pellicola per proteggere lo schermo (date le frequenti segnalazioni di pannelli graffiati a causa dell’inserimento nel dock). E se ciò non vi dovesse bastare, abbiamo anche una custodia rigida in cui riporre oltre alla console anche il Joy-Con Grip!

 Una memoria di ferro

Uno degli aspetti più controversi della console è il fattore memoria: essa infatti è dotata di un hard disk di appena 32GB, quasi inaccettabili per gli standard odierni (considerando la dimensione dei giochi di questa generazione). Per fortuna, il nostro amato Switch supporta le micro SD grazie allo slot posto sotto allo stand per la modalità da tavolo, e allora perché non approfittarne? Certo, se in futuro vorrete installarci alcuni giochi, sarà necessario fornirsi di una scheda degna di questo nome per non perdere ore durante i caricamenti.

Per non avere più preoccupazioni (o quasi) sulla memoria sarà sufficiente una micro SD da 128GB, dal prezzo abbordabile e dalla velocità di scrittura certificata fino a 80mb/s.
Se tuttavia, come il sottoscritto, siete a corto di fondi, potrete sempre optare per una memoria da 64GB, sempre mantenendo gli stessi standard di velocità ed affidabilità.

 Mai restare a secco

La batteria di Nintendo Switch è senza dubbio notevole, grazie alle sue 3 ore di gioco (considerando la pesantezza dei giochi e lo schermo integrato a 720p). Se tuttavia state pianificando un lungo viaggio in treno, o semplicemente non avrete accesso alla corrente elettrica, non vi basterà altro che munirvi di una power bank abbastanza capiente da poterci regalare altre ore di gioco.
Se volete andare sul sicuro, questa batteria portatile da 20.000mAh è ciò su cui dovete puntare.
Certo, le dimensioni ed il peso non sono così attraenti, ma potete stare sicuri che grazie ad essa potrete continuare a giocare per ore ed ore.
Se invece il fattore portatilità vi preoccupa, potreste decidere di optare per una soluzione più compatta, pur sacrificando qualche ora di autonomia.

 E il cavo?

Uno degli aspetti positivi di Nintendo Switch è che fa uso della tecnologia USB Type-C, che si sta consolidando lentamente tra gli ultimi modelli dei dispositivi smart, e che torna per i possessori della console a dir poco utile. La diffusione di questo tipo di cavi raggiungerà quindi quella ottenuta dai suoi predecessori, i Micro USB. Mentre aspettate, potreste decidere di acqusitare questo cavo prodotto dalla cara vecchia Aukey, ormai riconosciuta nel mercato per la produzione di accessori per smartphone. Essendo ricoperto da uno strato di nylon, non solo sarà difficile che si rompa, ma sarà pressoché impossibile ritrovarlo pieno di nodi dentro alle vostre tasche.
Se invece la crisi si fa sentire anche per voi, allora perché non risparmiare qualche soldo ed aggiudicarsi questa variante con cavo anti-strappo?

I migliori controller per i più accaniti

Se non siete rimasti soddisfatti a pieno dall’esperienza offerta dai Joy-Con e dal supporto incluso nella confezione della console, allora potreste valutare l’acquisto di un Pro Controller.
Richiamando le forme dei colleghi di Microsoft, questo supporto riuscirà ad accontentare ogni giocatore.
Infine, per avere quell’autonomia in più nel Joy-Con, e allo stesso tempo ottenere una presa migliore durante le sessioni infinite in Breath of the Wild, magari potrebbe interessarvi il grip prodotto da Nintendo stessa (da non confondere con quello già incluso nella confezione della console).

Nintendoomed partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Prova gratuitamente Amazon Prime per ricevere i tuoi acquisti in un giorno.

Autore: Leonardo "Dadoh" Simi

Sono nato con una PS1 davanti e all'età di 3 anni catturavo i miei primi Pokémon su Game Boy Color. Nintendaro con lievi sfumature di PC Master Race, il mio sogno è di diventare un game developer. In alternativa, potrei diventare un ciccione.