20 febbraio 2017 • Anteprima

Nintendo Switch: il resoconto di tutti gli altri giochi presenti allo Showcase di Milano

Nintendo Switch è la nuova console del colosso giapponese che tra ormai poche settimane si farà spazio nei negozi dei principali mercati globali. Preparando il terreno al grande lancio Nintendo ha deciso di permettere ad appassionati e curiosi di assaporare un’anticipazione di quello che riserverà il successore di Wii U: nel caso di noi italiani questo stuzzichino è stato servito in quel di Milano, con diverse impressioni a caldo che avete potuto leggere negli ultimi giorni qui su Nintendoomed.

Oggi concludiamo la panoramica con tutti quei titoli non ancora coperti, a partire da porting importanti come quello di Mario Kart 8, passando per titoli che si mostrano per la prima volta su Switch come Super Bomberman R.

MARIO KART 8 DELUXE

MK8Dartwork5

Chiunque abbia già avuto l’immenso piacere di giocare Mario Kart 8 su Wii U sa già cosa offre il miglior esponente della serie (a pari merito col fulminante Double Dash!! per GameCube): corse folli, bucce di banana, circuiti mozzafiato, kart improbabili. Le piste presenti nella demo sono prese senza cambiamenti degni di nota dalla versione originale, con una modalità battaglia –in cui l’obbiettivo diventa far scoppiare i palloncini degli avversari- che torna alla classica impostazione “ad arena” e che riesce a rendere questo antipasto dal sapore completo. La vera novità è stata poterlo giocare col tablet di Switch, capace di rendere alla perfezione il coloratissimo mondo di Mario Kart grazie a una combinazione di risoluzione e maneggevolezza.

FAST RMX

fastrmx

Seguito del monumentale gioco di corse futuristico comparso su Wii U, Fast Racing NEO, questa seconda puntata nota all’anagrafe col nome di Fast RMX vince e convince. La formula rimane intatta, con veicoli ultra aerodinamici e panorami da stropicciarsi gli occhi, il tutto con il framerate granitico garantito già dall’originale. Si vede e si gioca che è una meraviglia, con comandi intuitivi e quella piccola imprevedibilità data dai boost arancioni e blu (ottenibili solo quando il nostro “cambio cromatico” sarà impostato sul colore corrispondente) in grado di portare adrenalina nelle vene fino all’ultimo giro.

SUPER BOMBERMAN R

Super Bomberman R

L’ultimo episodio della storica saga di Bomberman si presenta su Switch nella classica veste in 2D, con una visuale a volo d’uccello che si declina alla perfezione col principio fondante di questo titolo: far scoppiare cose.
Il gioco funziona sotto l’aspetto più tecnico, ma non diverte particolarmente: le mappe disponibili erano forse troppo limitate, il ventaglio di possibilità forse troppo contenuto, ma la sensazione è che questo Super Bomberman R abbia voluto mostrare troppo poco per questo showcase. Ne prendiamo atto, sperando che il risultato finale possa soddisfare di più.

ULTRA STREET FIGHTER II: THE FINAL CHALLENGERS

USF2screen5

Chi dice picchiaduro dice Street Fighter. Non può non attirare quindi l’attenzione il ritorno in grande stile dell’episodio più famoso nella sua riedizione più famosa, Ultra Street Fighter II, in quello che vuole essere il director’s cut definitivo. Giocando la demo la sensazione, molto forte, è di essere di fronte a un prodotto prima di tutto per nostalgici. Ed è comprensibile: stiamo parlando di un mostro sacro dell’universo videoludico. Ma non è bastato un lieve update grafico e uno stile (suo malgrado) visto e stravisto per convincere il potenziale cliente che è in me a dire “sì, lo compro!”.
Se l’autore di questo articolo fosse nato una quindicina di anni prima l’avrebbe pensata in maniera nettamente diversa. Il vero pregio è stato l’utilizzo del Pro Controller, che si conferma una periferica impeccabile e dalla praticità difficilmente superabile; i Joy-Con non sono pervenuti, ragion per cui dovremo ancora aspettare per capire quanto bene sono stati integrati.

SKYLANDERS IMAGINATORS

skylanders

Il principio è molto semplice: create il vostro mostriciattolo, dategli un nome strano, perlustrate una piccola mappa. Non siamo la target audience, e ci mettiamo il cuore in pace senza troppi rimpianti.
Per la precisione Sylanders Imaginators è il settimo capitolo di una fortunata saga pubblicata da Activision, esempio lampante della possibilità di contatto tra giocattoli e videogioco grazie alla nota serie di pupazzetti ad essa dedicata. La novità di quest’ultimo episodio risiede nel dare la possibilità ai giocatori di creare il proprio personaggio personalizzato, detto appunto Imaginator, grazie ai cosiddetti “Cristalli di creazione”. A questo giro non potrà essere utilizzato il Portale che mette in contatto gioco e giocattoli, ma i personaggi delle statuine saranno salvati nella memoria dellaconsole. La demo si limita a mostrare gli elementi fondamentali di creazione dell’avatar e di esplorazione, con una grafica accettabile e comandi fluidi (benché non immediati), ma proseguendo nel gioco non mancano i classici bonus e un ventaglio di personaggi progressivamente più ampio.

HAS-BEEN HEROES

hasbeenheroes

Ho avuto dei problemi con questo gioco. Ma del tipo che non sapevo letteralmente cosa fare, e ho pigiato tasti a caso nella speranza di far accadere qualcosa. Indubbiamente il titolo più atipico tra quelli in prova, si tratta di un gioco di ruolo d’azione con elementi rogue-like. La demo richiedeva di affrontare livelli da risolvere grazie alle sinergie tra i diversi personaggi, risolvendo rompicapi e abbattendo nemici. Un titolo che può guadagnarsi un seguito di nicchia, le basi per attirare un certo pubblico ci sono, ma sicuramente inadatto per essere assaggiato in un contesto fugace come quello di uno showcase.


Si chiude così la nostra panoramica su Nintendo Switch, dopo aver toccato con mano questo gioiellino. Uno Switch che piace, sebbene le sue vere potenzialità debbano ancora essere espresse: il futuro è tutto lì, tra le braccia di ARMS e i minigiochi impeccabili di 1-2 Switch!, nel realismo commovente di Zelda e nel divertimento irresistibile di Splatoon 2. Tra i giochi passati in rassegna in questo articolo, lo avrete intuito, c’è ben poco che spicca. Tolte le due gemme “a tutta birra” di Mario Kart 8 Deluxe e Fast RMX non c’è altro che esalti le qualità di Switch o riesca semplicemente a vendersi come oggetto del desiderio.
Ma desiderarlo, questo Switch, lo si può già fare. I giochi ci sono: basta estrarli dalla roccia, brandirli come una spada arturiana e lanciarsi all’esplorazione di un mondo più grande della piana di Hyrule.

Autore: Lorenzo "Twist" De Vizzi

Efficiente, professionale, sempre aggiornato. Ha preferito mettere da parte tutto questo per dire la sua su Nintendoomed, a volte con toni da drama queen ma sempre con tanta passione. Gli piace far finta che il mondo sia fermo al 2005.