8 dicembre 2015 • Notizia

Nintendo ha brevettato una tecnologia di “cloud computing” bizzarra e potenzialmente rivoluzionaria

Che Nintendo sia interessata alla tecnologia cloud ormai è davvero tanto chiaro. Recentemente la compagnia ha annunciato che un servizio di cloud sarà integrato al suo nuovo sistema di account unici, ad esempio.
Ora torniamo a parlarne perché Nintendo ha depositato un brevetto che illustra un’interessante nuova tecnologia.

Lo stream di giochi tramite cloud non è di certo una novità, esiste da anni. Si tratta di un sistema grazie al quale è possibile elaborare le immagini di un gioco su un server remoto  per poi inviarle agli utenti. Ciò permette di risparmiare parecchio in termini di hardware, ma per ususfruire di questo genere di servizi è necessario avere una connessione ad internet davvero molto veloce e stabile.
Nintendo, però, pare aver aggirato il problema. Nel brevetto che trovate qua viene descritto un sistema  che richiederebbe agli utenti di collegare un add-on alle proprie console. Grazie ad esso sarebbe possibile collegarsi ad altre console di altri giocatori e sfruttare i loro hardware per elaborare i propri giochi, seguendo una logica vagamente simile a quella che è alla base del peer to peer. In questo modo, viene eliminata la problematica di allacciarsi ad una server-farm situata chissà dove: il proprio “server” potrebbe essere la console del proprio vicino di casa. In questo modo, sarebbe la rete di console stessa a formare il “cloud”.

Fonte.

Potrebbe essere questa la grossa novità che porterà Project NX, la prossima console di Nintendo? Magari la Grande N a questo giro proverà a stravolgere completamente il concetto di console proponendoci una macchina largamente improntata verso questo tipo di tecnologia? Dopotutto, l’estate scorsa trapelò un altro brevetto di Nintendo, uno per una console predisposta per i servizi cloud e sprovvista di lettore di dischi ottici.
Quali sono le vostre teorie?

Autore: Gianmarco "Jun" Turchiano

Fa il tuttofare mentre veste i panni del capo. Si occupa di curare il sito sotto l'aspetto tecnico, ma anche di pubblicare notizie e di redigere recensioni e articoli opinionistici vari.