9 luglio 2017 • Notizia

Monolith parla dell’importanza dell’esplorazione in Xenoblade Chronicles 2

Il game director di Monolith Soft, Tetsuya Takahashi, ha parlato ai microfoni di Gamekult riguardo l’importanza dell’esplorazione in Xenoblade Chronicles 2, in uscita su Nintendo Switch durante il periodo natalizio del 2017.

GK: Xenoblade Chronicles 2 era già programmato per Wii U prima di essere spostato su Switch? Quali lezioni imparate in Xenoblade Chronicles X vi sono tornate utili durante lo sviluppo di questo nuovo titolo?

TT: È stata un’esclusiva Switch fin dall’inizio. Come sapete, Xenoblade Chronicles X era stato progettato come un open world, e sappiamo tutti il costo di un gioco del genere (ride). Applicando queste conoscenze ad un progetto più guidato, siamo in grado di avere un’idea chiara dei nostri bisogni in termini di ottimizzazione degli asset; sono piccoli dettagli che ci fanno capire meglio la portata del gioco.

GK: L’esplorazione è sempre stato il cuore della saga di Xenoblade, specialmente in Chronicles X. Dobbiamo aspettarci un mondo ancora più vasto su Switch?

TT: L’esplorazione avrà un ruolo ancora più decisivo in Xenoblade Chronicles 2. In termini di luoghi da visitare, credo che andremo molto oltre a ciò che abbiamo visto su Chronicles X. Come potete osservare nel trailer, sarete in grado di visitare un vasto numero di ambientazioni diverse, alcune naturali, altre fatte dall’uomo.

Fonte: GoNintendo

 

 

Autore: Leonardo "Dadoh" Simi

Sono nato con una PS1 davanti e all'età di 3 anni catturavo i miei primi Pokémon su Game Boy Color. Nintendaro con lievi sfumature di PC Master Race, il mio sogno è di diventare un game developer. In alternativa, potrei diventare un ciccione.