2 giugno 2015 • Notizia

L’Unreal Engine 4 finalmente su Wii U grazie a Bloodstained?

Ormai è risaputo: l’hardware che si cela all’interno dello chassis del Wii U non è esattamente all’avanguardia, anzi.
Questo non ha impedito a Nintendo, però, di realizzare dei giochi  in grado di fregiarsi di un ottimo comparto visivo, grazie anche e soprattutto ad una sapiente ottimizzazione delle risorse.
Per gli sviluppatori di terze parti, che per i loro giochi impiegano engine sempre più avanzati e pesanti, è sorto ben più di un problema, però.

Infatti, Wii U non supporta nativamente due dei più diffusi motori di ultima generazione in circolazione, ovvero la più recente versione di Cry Engine e l’Unreal Engine 4, non permettendo a molti giochi di giungere su questa console.

Questo è stato quasi il caso di Bloodstained, l’atteso seguito spirituale di Castlevania che, appunto, sarà mosso dall’Unreal Engine 4.
Per ovviare il problema è stato stabilito che la versione Wii U del gioco non sarà curata da Inti Creates, bensì da Armature Studios, una software house texana composta da alcuni ex-membri di Retro Studios.

Inaspettatamente, però, sembra che l’intenzione sia quello di utilizzare l’Unreal Engine 4 persino su Wii U.

Quel che è certo è che ciò è possibile, come fu dichiarato dalla stessa Epic Games (la casa madre del suddetto engine) durante la conferenza di presentazione del suo motore qualche anno fa, ma questo non vuol dire che sia fattibile, purtroppo.

Quello da effettuare è, in realtà, un complesso lavoro di ottimizzazione che richiede uno studio approfondito dell’hardware (e quello del Wii U sembra essere particolarmente astruso).
Un lavoraccio per uno studio piccolo come quello di cui stiamo parlando.
Gli ingegneri e i programmatori di  Armature riusciranno nell’impresa?

Autore: Gianmarco "Jun" Turchiano

Fa il tuttofare mentre veste i panni del capo. Si occupa di curare il sito sotto l'aspetto tecnico, ma anche di pubblicare notizie e di redigere recensioni e articoli opinionistici vari.