10 luglio 2017 • Notizia

La line-up first-party di Nintendo Switch è parzialmente designata per ispirare le terze parti

Shinya Takahashi, il general manager delle divisioni produttive di Nintendo, ha parlato un po’ del ruolo della line-up firmata Nintendo per l’ultima console di casa.

In un’intervista col giornale francese Pixel, il manager ha spiegato che sotto Nintendo ci sono 11 team interni che lavorano a più progetti ciascuno, e l’obiettivo di ognuno di loro è di creare titoli che possano dare ispirazione alle terze parti per supportare le console di Nintendo.

Mettendo in causa il Nintendo Switch, ha fatto notare come l’ultima console abbia ricevuto un supporto iniziale limitato dalle terze parti. Ma ora che la console ha dimostrato un buon successo, spera che le cose cambieranno, anche con l’esempio dato dai suddetti team.

“Il fatto che i giochi di lancio siano stati Breath of the Wild, 1-2 Switch e Snipperclips è davvero importante. Questi giochi prendono ciascuno un vantaggio specifico della console. Con Zelda, puoi cominciare sulla tua TV e continuare portandola in giro, scoprendo così il lato nomade della console. Con 1-2 Switch si scopre il lato pratico degli Joy-Con, il fatto che possano essere staccati, passati, e così via.
Per quanto riguarda Snipperclips, siamo stati fortunati ad avere un team indipendente che sia riuscito a capire perfettamente la specialità dei controller e che abbia proposto idee che ne facessero apprezzare la singolarità. È stato molto importante avere questi tre giochi che, pur essendo molto diversi, possano trasmettere alla gente le originalità della console.

Poi ecco Mario Kart 8, Arms, Splatoon e Super Mario Odyssey alla fine dell’anno, una serie di giochi che non si assomigliano ma permetto agli sviluppatori di mostrare tutto ciò che è possibile fare. Il catalogo deve essere sufficientemente arricchito per offrire esperimenti che sono unici, per la console e in generale.”

Takashi ha aggiunto che Nintendo ha lavorato duro per rendere Switch “una console per cui è facile programmare”, citando l’integrazione di Unity e Unreal per assicurare un ecosistema migliore rispetto a Wii U.

Fonte: gamesindustry.biz

Autore: Salvatore "Mirax96" Mirabelli

La sua aspirazione rimarrà sempre quella di tradurre, ma viene spesso beccato in giro sul web a fare ogni volta qualcosa di diverso, ma sempre relativo ai videogiochi... Youtuber, Smasher... E ORA BAZZICA CON QUELLI DI NINTENDOOMED!?