28 settembre 2014 • Domenica Musicale

#6 – Pokémon versione Nera/Bianca

Ciao a tutti! Oggi avete scelto voi il gioco della rubrica: Pokémon versione Nera e versione Bianca.

Questi giochi sono i miei preferiti dell’intero franchise Pokèmon, per tante ragioni: la storia, il gameplay molto più veloce, i personaggi meglio caratterizzati e la direzione artistica.
E anche la OST rientra tra le mie preferite, se la gioca con Nero2 e Bianco2 perchè non so decidere quali fra i brani esclusivi delle due versioni mi piacciono di più!

Ed è proprio per questo che ci sono una MAREA di brani che vorrei inserire, cercherò di controllarmi e mettere solo quelli che mi piacciono davvero davvero tanto (Ma sarà una listona lo stesso.)

Il primo brano è significativo, perlomeno nella mente di Masuda, del gioco: si sente infatti durante la traversata del ponte più lungo del gioco.

E’ molto allegro, anche se l’armonia riesce a dare alla melodia un leggerissimo, quasi non si nota, tocco nostalgico; attraversai all’epoca il ponte senza usare le scarpe da corsa per godermi al meglio il momento.
Volevo far notare l’inusuale modo in cui sono utilizzati gli archi in sottofondo.

In teoria avrei un altro ponte da farvi sentire, ma me lo riservo per dopo, per ora invece vi metto uno brani che poteva finire in fondo come uno dei miei preferiti.

Il tema in un blues vivace si addice benissimo alla città dei divertimenti di Unima, nonostante la prima melodia sia già perfetta, è a 0:23 che si raggiunge l’apice, quando parte il passaggio con un contrappunto a ben tre melodie, in cui due vanno assieme per poi discostarsi, mentre la terza va da se, è molto raro trovare brani curati così bene oggigiorno, dove si preferisce dare risalto a un’unica melodia e mettere tutto il resto come accompagnamento.

La prossima track è particolare, perchè ne esistono tantissime versioni: si sente in un area dove potrete attivare tanti strumenti, metto solo la mia versione preferita.

E’ la dimostrazione che a volte è meglio qualcosa di più semplice rispetto ad una moltitudine di strumenti, da soli la chitarra e quello che credo debba essere un clavicembalo bastano a rendere l’atmosfera del luogo, mentre non mi piace quando si aggiungono anche beatbox e voce, perchè a parer mio la sovraccaricano.

L’altro ponte, quello di cui vi ho parlato all’inizio.

E’ un brano particolarissimo, e per questo interessante, è un susseguirsi di buildup che si svolge all’interno di questa atmosfera “mistica” e solitaria che sfocia in 1:13 in una piccola parte melodica, all’inizio ammetto che non mi era rimasta impressa, ma riascoltandomi l’OST più avanti nel tempo avevo capito quanto questo brano fosse unico.

Eeeeeeeee il prossimo brano è dualistico e dipende dalla versione del gioco, io avevo la versione Nera, quindi parlerò prima di quella, per poi confrontarla alla sua speculare.

E’ un’ode ai sintetizzatori, carichissima di diversi suoni che si sovrappongono, nel complesso si può dire che sia un arrangiamento alquanto allegro di una melodia che non lo è affatto, a 1:19 inizia la parte di transizione che riporterà la melodia al loop, meno “incasinata” del resto del brano.

Invece la versione Bianca è più mogia, Boreduepoli in questa versione è una città tradizionale a differenza del futurismo della versione Nera, la melodia è molto più facile da seguire qui, ma nel complesso lo ritengo un brano meno interessante anche se comunque di tutto rispetto.

Stiamo entrando più nel vivo, vi state divertendo? Bene, perchè io sono molto confuso sull’ordine in cui mettere le prossime.

Questo è il tema di… un personaggio ricorrente nel gioco, si addice molto a lui, è una specie di fusione fra le assonanze medievali e quelle native americane (Penso siano quelle no? Quelle di quei tizi alle fiere coi capelli lunghi che cercano di vendervi i loro CD alle fiere e suonano dal vivo giusto?) Conferisce bene quell’aria da veterano saggio, ma non vecchio: un guru esperto come del resto è.

Questo è il tema di un percorso, brano molto intenso che intende ricreare il mood che dovrebbe sentire il giocatore mentre lo attraversa, è semplice e di grande effetto: diversi strumenti si alternano alla melodia principale mentre il sottofondo rimane sempre lo stesso.

Lo so che vi state chiedendo “Ehi nessuna battle theme?” Lo so che in genere sono le più gettonate nei giochi pokèmon, ma secondo me era più importante darvi una vagonata di overworld prima, apposta per poter apprezzae meglio anche quelle.
Ad ogni modo:

Probabilmente il miglior battle theme dei cattivi di tutti i giochi pokèmon, forse battuto dagli admin del Team Galassia, verte sul rock e l’elettronica, adoro l’entrata del sintetizzatore a 0:44 e a 1:05 l’organetto.
Non so se sia voluto, ma quando non c’è più melodia e si sente solo l’accompagnamento di sottofondo, si può notare una certa somiglianza con il tema del trio Regi.

Ci sono poi i temi dei leggendari:

Il primo è insolitamente allegro, ma chi ha giocato sa bene il motivo, il secondo è dall’atmosfera più tradizionale, ma non dalle sonanze, è ciò di più elettronico che possiate trovare dentro il gioco, ma mi piace comunque, è ritmatissimo e ci sta bene, ciò che trovo di più interessante sono i cambi di tempo che si possono notare un po per tutto il brano, a 0:54 il cambio più evidente.
Di queste sonorità si abuserà poi in Pokèmon X e Y che… beh lasciamo perdere.

Torniamo all’overworld.

Questo brano segna l’inizio della grande rivoluzione portata dai due giochi, e infatti roba così drammatica e intensa non si era mai sentita prima di allora in un gioco pokémon, se lo si aspetterebbe verso la fine di un gioco in un RPG dai toni più epici come un Golden Sun, il corpo, che inizia a 0:17 è credo, una delle melodie più spettacolari dell’intera serie.

Questo è molto, molto particolare, anche qui la musica elettronica si fa sentire, ma in maniera diversa, avete presente i frattali? Avete presente quando Alice cade nella tana del bianconiglio? Unite le due cose e avete l’atmosfera ricreata da questo brano…. forse; il caos, astratto.
La mia parte preferita è ovviamente la progressione ad organo a 0:49 con quegli strani effetti speciali di fuoco e orologi (???)
Si, non ho idea di come descriverlo se non l’avevate ancora capito, basta una lettera: N.

Un’altra traccia di grande effetto, se non vi dicessi che è probabilmente una citazione al Love Theme di Mother, Mustungun mi toglierebbe lo scalpo, ma io lo preferisco.
Adoro come, dopo tripudi di musiche orchestrali rock ed elettroniche, se ne escano con un semplice pianoforte e qualche arco per sottolineare un momento di estrema intensità.

E poi premi il pulsante A, e senza preavviso un momentino dopo…


BOOM

Di solito i credits theme in pokèmon non sono così ritmati… e così senza preavviso, ma questo si, e Bianco/Nero se lo merita, dimostrando fino in fondo di essere un gioco quasi fuori serie che si distacca da tutto il resto, mentre gli altri temi sottolineavano la fine del gioco, questo è più a simboleggiare un inizio, non a caso il suo nome ufficiale è “Until we meet again”, epicità, emozione, adrenalina, tutto si concentra in quello che è il mio brano dei crediti preferito.

Prima di passare all’ultimo brano, il mio preferito, ci tenevo a dire che esistono nobili menzioni che ho preferito non mettere in questo articolo per non sovraccaricarlo, come il tema di battaglia dei superquattro o quello del campione, o anche quello del surf, perciò se siete interessati vi consiglio di ascoltarvi l’intera colonna sonora perchè merita tutto.

Ora il mio preferito:

E’ difficile spiegare il motivo per cui mi piaccia così tanto, forse per l’atmosfera da apoteosi e allo stesso tempo drammatica, per i cori e l’organo accompagnati dagli archi, per quel passaggio a 0:25 fra una melodia e l’altra, per i frequenti colpi di orchestra, e perchè no, anche per il momento ineaspettattissimo se siete abituati alle convenzioni pokèmon in cui arriva.

Quindi anche per oggi abbiam… eh no?
Ah si.
BONUS TRACK

Autore: Staff

Non sono una persona vera, quindi non ho nulla di spiritoso ed irriverente da scrivere qui :(

  • Gold Edminn

    Dannazione Tidia, hai portato al pari di Hoenn Unima nella mia classifica. E hai fatto scendere Sinnoh. E ce ne vuole per raggiungere un risultato del genere.